• Deforestazione, la posizione di Fefac

    Print
    Soia

    La Federazione dei produttori europei di mangimi composti (Fefac - European Feed Manufacturers' Federation) è favorevole all'analisi condotta dalla Commissione Europea sullo studio di fattibilità delle iniziative per intensificare l'azione dell'UE contro la deforestazione. In particolare, la Federazione sottolinea il valore aggiunto fornito dall'integrazione degli approcci giuridici con le proposte della catena di approvvigionamento. Queste ultime, infatti, non possono da sole conseguire l’obiettivo di eliminare la deforestazione, ma necessitano del contributo dei governi e degli altri attori interessati per investire in un'efficace attuazione della legislazione ambientale.

    Nel caso in cui l'Unione Europea dovesse decidere di sviluppare iniziative politiche più mirate per contrastare la deforestazione, Fefac raccomanda d’istituire un quadro inclusivo di cooperazione più ampio, capace di coinvolgere partnership tra autorità competenti dei paesi produttori e piattaforme multilaterali. Questa strategia, secondo la Federazione, finirebbe per incentivare gli agricoltori a impegnarsi sul fronte ambientale per la conservazione del territorio, andando oltre il semplice rispetto delle disposizioni legali.

    Fefac s’impegna ad affrontare la deforestazione per ridurre gli impatti negativi della produzione di mangimi composti in Europa, sostenendo per esempio iniziative come la “Round Table on Responsible Soy (Rtrs)” e l’“Amazon Soy Moratorium” lanciata nel 2006. Nell'agosto 2015 Fefac ha pubblicato le “Linee guida per l'approvvigionamento responsabile della soia”, che prevedono anche criteri relativi ai requisiti ambientali, agricoli e sociali. La Federazione ritiene che sia suo compito interagire con tutti i partner della catena di produzione e approvvigionamento della soia in Europa e dei paesi esportatori. Esempi di azioni in corso sono il Memorandum d'intesa siglato con le principali associazioni brasiliane dei produttori di soia (gennaio 2017) e la recente interazione con la China Feed Industry Association (Cfia) e con altri operatori cinesi per raggiungere l'obiettivo comune di sostenere la produzione responsabile e l'approvvigionamento dei prodotti a base di soia. Dal 2018, Fefac è anche membro del gruppo direttivo del “Balikpapan Challenge” lanciato dalla Governors’ Climate and Forests Task Force (Gcf).

    red. 15-04-2018 Tag: deforestazioneFEFACsoiamangimi
Articoli correlati
  • Usa: per la prima volta piantagioni di soia superano quelle di mais

    Nella stagione 2018/19 negli Usa le piantagioni di soia supereranno quelle di mais per la prima volta in 35 anni. Lo evidenzia il rapporto: “Prospective Plantings” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui la...

    21-04-2018
  • Commissione Europea: pubblicate Linee guida su trasformazione ex-alimenti in mangimi

    Lo scorso 17 aprile la Commissione Europea ha pubblicato il documento: “Guidelines for the feed use of food no longer intended for human consumption”, che illustra le linee guida per l'uso degli alimenti non più destinati al consumo umano...

    21-04-2018
  • Soia, la (possibile) rivoluzione dei flussi commerciali

    La guerra dei dazi tra Usa e Cina potrebbe rivoluzionare gli scambi commerciali della soia a livello globale. Secondo un editoriale pubblicato su Reuters, non è detto che la riduzione delle esportazioni in Cina del legume prodotto negli Usa costituisca...

    19-04-2018
  • Usda, stabili i prezzi di soia e mais

    A metà stagione il prezzo medio della soia dovrebbe attestarsi tra i 9,10 e i 9,50 dollari per bushel, mentre quello del mais trai 3,20 e i 3,50 dollari per bushel. Lo evidenzia il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui i...

    18-04-2018
  • Studio: dalla vite australiana possibilità di aumento resa della soia

    I geni della vite Glycine tomentella, che cresce in Australia ed è una lontana parente della soia, potrebbero aumentare sensibilmente la resa del legume. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Crop Science dagli scienziati...

    12-04-2018