Victam
  • Studio: dalla vite australiana possibilità di aumento resa della soia

    Print

    Le nuove varietà sono anche più resistenti alla ruggine

    Soia prezzi

    I geni della vite Glycine tomentella, che cresce in Australia ed è una lontana parente della soia, potrebbero aumentare sensibilmente la resa del legume. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Crop Science dagli scienziati dell'Università dell'Illinois di Urbana (Usa) coordinati da Randall L. Nelson, che afferma: “Abbiamo osservato aumenti del rendimento in misura compresa tra 3,5 e 7 bushel per acro nelle piante di soia ottenuto dall'incrocio con la Glycine tomentella”.

    I ricercatori spiegano che la scoperta è avvenuta per caso: il loro obiettivo era quello d’introdurre i geni della vite australiana nelle piante di soia per renderle più resistenti alla ruggine. Ma dopo esserci riusciti, hanno scoperto che le nuove piantine erano anche in grado di produrre più legumi rispetto a quelle tradizionali.

    “Alcune di queste file sembravano piuttosto buone, per cui abbiamo deciso di fare dei test sulla resa, scoprendo che diversi esemplari producevano molto di più rispetto alla pianta ‘madre’ – spiega il dottor Nelson -. Siamo rimasti molto sorpresi, perché la Glicina tomentella non presenta caratteristiche agronomiche: i semi sono grandi meno di un decimo rispetto a quelli della soia. Non ci saremmo mai aspettati di ottenere piante ad alto rendimento da questo incrocio”.

    Dato che non sono ancora riusciti a capire quale meccanismo sia stato in grado di aumentare il rendimento della soia, gli scienziati hanno annunciato di voler mappare il genoma delle nuove piante, per identificare i geni responsabili di questo beneficio.

    red. 12-04-2018 Tag: soiaricercarendimentoagricoltura
Articoli correlati
  • Afcc, Jacob Hansen eletto nuovo presidente

    Jacob Hansen, Direttore Generale di Fertilizers Europe, è stato eletto presidente di Agri-food chain coalition (Afcc), che rappresenta le 11 principali associazioni di settore della catena agroalimentare dell'Unione Europea. Il neo-presidente si è...

    05-03-2019
  • Obiettivo 2050, possibile grazie alla ricerca scientifica

    Nutrire la popolazione mondiale in continua crescita con meno risorse a disposizione: è una delle principali sfide del 21° secolo e uno dei temi affrontati durante la riunione annuale dell'American Association for the Advancement of Science (Aaas),...

    04-03-2019
  • Usa, previsto aumento produzione di mais e grano

    A causa delle tensioni commerciali tra Usa e Cina, nella stagione 2019/20 parte delle piantagioni statunitensi di soia potrebbero lasciare il posto a mais e grano. Lo sostiene il rapporto: “Grains and oilseeds outlook” pubblicato dal Dipartimento...

    02-03-2019
  • Studio: grazie a genetica rafforzamento colture contro malattie

    Sviluppato un nuovo metodo per rafforzare la resistenza delle colture a malattie e parassiti. La nuova tecnica, chiamata AgRenSeq, è stata realizzata dagli scienziati del John Innes Centre di Norwich (Gran Bretagna) in collaborazione con ricercatori...

    21-02-2019
  • Sicurezza alimentare: le sei regole Fao

    Per garantire la sicurezza degli alimenti occorre monitorare tutte le fasi della catena alimentare, a partire dalla produzione fino alla vendita e al consumo. Lo sostiene l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao),...

    17-02-2019