Victam
  • International Grains Council: in aumento produzione globale di cereali

    Print

    Nella stagione 2018-19 previsto incremento per mais, soia e riso

    Cereali mondo mercato %c2%a9 scottchan   fotolia

    L'International Grains Council (Igc) prevede che nella stagione 2018-19 la produzione globale di cereali dovrebbe raggiungere i 2.088 miliardi di tonnellate. Come riporta la rivista World Grain, si tratta di un ammontare superiore ai 2.087 miliardi di tonnellate che l’organizzazione aveva stimato nel mese di marzo, ma inferiore rispetto ai 2.093 miliardi di tonnellate previste per la stagione 2017-18. Secondo l’Igc il consumo totale di cereali dovrebbe attestarsi intorno ai 2.139 miliardi di tonnellate, in aumento rispetto ai 2.134 miliardi di tonnellate stimati a marzo e ai 2.108 miliardi di tonnellate stimati per il periodo 2017-18. Infine, l’organizzazione prevede che le scorte complessive di cereali dovrebbero fermarsi a 560 milioni di tonnellate, una quantità invariata rispetto alle previsioni di marzo, ma inferiore rispetto ai 611 milioni di tonnellate della stagione 2017-18.

    L’Igc stima che nel periodo 2018-19 la produzione mondiale di mais dovrebbe raggiungere 1.054 miliardi di tonnellate, un ammontare superiore a 1.052 miliardi di tonnellate previsti a marzo e a 1.046 miliardi di tonnellate del 2017-18. Il consumo dovrebbe aumentare fino a 1.099 miliardi di tonnellate, una cifra più alta sia di 1.094 miliardi di tonnellate stimati a marzo, sia di 1.075 miliardi di tonnellate del 2017-18.

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di soia, secondo l’Igc, dovrebbe raggiungere 355 milioni di tonnellate, una quantità maggiore rispetto ai 354 milioni di tonnellate di marzo e ai 339 milioni di tonnellate del periodo 2017-18. Il consumo dovrebbe diminuire rispetto a marzo (358 milioni di tonnellate), attestandosi a 357 milioni di tonnellate, un ammontare comunque superiore ai 347 milioni di tonnellate della precedente stagione.

    La produzione globale di grano nel 2018-19 dovrebbe fermarsi a 739 milioni di tonnellate, in calo rispetto ai 741 milioni di tonnellate previsti a marzo e ai 758 milioni di tonnellate previsti per il periodo 2017-18. Il consumo, invece, dovrebbe attestarsi a 745 milioni di tonnellate, una cifra più elevata dei 744 milioni di tonnellate di marzo e dei 740 milioni di tonnellate della stagione 2017-18.

    L’Igc prevede infine che la produzione complessiva di riso nel 2018-19 raggiunga i 493 milioni di tonnellate, superando i 492 milioni di tonnellate previsti a marzo e i 486 milioni di tonnellate previsti per la stagione 2017-18. Anche il consumo di riso dovrebbe essere più elevato: con 493 milioni di tonnellate sarebbe superiore sia ai 491 milioni di tonnellate di marzo, sia ai 487 milioni di tonnellate del periodo 2017-18.

    Foto: © scottchan - Fotolia

    red. 10-05-2018 Tag: Igccerealiagricolturaproduzionemaissoia
Articoli correlati
  • Materie prime, nel 2018 bilancia commerciale negativa per oltre 2miliardi di euro

    Aumento  delle importazioni e frenata delle esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche. I dati del settore cerealicolo elaborati da Anacer, Associazione nazionale cerealisti, e relativi al 2018 evidenziano, ancora una volta, la cronica carenza...

    15-03-2019
  • Materie prime alimentari, prezzi in crescita a febbraio

    A febbraio i prezzi delle commodities alimentari sono aumentati dell’1,7% rispetto al mese precedente, grazie soprattutto all’incremento dei prodotti lattiero-caseari. Lo sottolinea l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle...

    12-03-2019
  • Micotossine: nemiche invisibili nella filiera dei cereali a paglia

    La salubrità delle produzioni agro-alimentari può essere compromessa dalla presenza di contaminanti antropici come metalli pesanti, fitofarmaci, residui di imballaggi o prodotti indesiderati formatisi nella fase di trasformazione. Ma è...

    10-03-2019
  • Colza, produzione in calo nell’UE

    Nella stagione 2019/20 la produzione di colza in Francia, Germania, Polonia e Regno Unito - i principali produttori dell'UE - dovrebbe diminuire, aumentando la necessità d’importare i semi della pianta dai paesi del Mar Nero. Lo sostiene Peter...

    06-03-2019
  • Obiettivo 2050, possibile grazie alla ricerca scientifica

    Nutrire la popolazione mondiale in continua crescita con meno risorse a disposizione: è una delle principali sfide del 21° secolo e uno dei temi affrontati durante la riunione annuale dell'American Association for the Advancement of Science (Aaas),...

    04-03-2019