• Fao, in rialzo le previsioni sulla produzione cerealicola

    Print
    Grano agricoltura %c2%a9 mozzz   fotolia.com

    Migliorano le stime sulla produzione cerealicola. Secondo la Fao nel 2018 l'offerta sarebbe pari a 2.610 milioni di tonnellate, un livello maggiore di quello precedentemente stimato. Il dato è contenuto nell'ultimo Bollettino sull'offerta e la domanda mondiale di cereali. Tuttavia, se le previsioni dovessero essere confermate, la produzione farebbe registrare un calo dell'1,5% sull'anno scorso. 

    Per quanto riguarda le singole colture, anche la produzione di grano è stimata in aumento rispetto al mese precedente: 754,1 milioni di tonnellate. Il rialzo previsto è correlato alle migliori prospettive in diversi grandi Paesi produttori. La produzione di cereali secondari è invece a quota 1.345 milioni di tonnellate, in calo del 3,2% rispetto all'anno scorso in parte per gli spostamenti degli agricoltori verso colture più redditizie e per le condizioni di clima secco in alcune zone. 

    Numeri positivi anche per il riso. La produzione mondiale è stimata in aumento dell'1,3% rispetto al 2017, con un nuovo record di 511,3 milioni di tonnellate. Le previsioni riflettono le migliori prospettive del mercato in India. 

    Nel nuovo rapporto l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura illustra anche le previsioni sull'utilizzo dei cereali e sul commercio. Anche su questo fronte è previsto un livello record per il prossimo anno. Le previsioni per le scorte di cereali globali al termine della stagione produttiva nel 2019 sono aumentate del 5% dall'ultimo rapporto, raggiungendo 772 milioni di tonnellate. La correzione è figlia soprattutto dell'aggiustamento al rialzo delle stime storiche delle scorte di granturco cinese. Tuttavia, nonostante l'aumento mensile, le scorte mondiali di cereali sarebbero ancora scese del 5,4% dal loro livello di apertura. 

    Infine, in base alle nuove stime, il rapporto tra gli stock finali e le utilizzazioni interne di cereali (stock-to-use-ratio) è fissato al 28,5%, in leggero calo rispetto alla stagione 2017/18.

    redazione 09-06-2018 Tag: faocerealigranorisoproduzione cereali
Articoli correlati
  • Materie prime, a dicembre prezzi stabili

    A dicembre i prezzi internazionali delle materie prime sono rimasti sostanzialmente stabili. L'aumento dei listini dei cereali ha, infatti, compensato il calo delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e dello zucchero. Lo comunica l'Organizzazione per...

    18-01-2019
  • Materie prime, tensioni geopolitiche condizionano il mercato

    La tregua sancita tra Stati Uniti e Cina nella cosiddetta “guerra dei dazi” sta influenzando positivamente i mercati. Lo evidenzia il rapporto “World Agricultural Supply and Demand Estimates” di dicembre pubblicato dal Dipartimento...

    09-01-2019
  • Onu, approvate risoluzioni a favore della salute delle piante e della sicurezza alimentare

    L'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato due risoluzioni volte a promuovere e a tutelare la salute delle piante e la sicurezza alimentare. Lo comunica l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando che le...

    04-01-2019
  • Unione Europea, in calo produzione totale di cereali

    Nel 2018 la produzione europea di cereali dovrebbe attestarsi a 281,7 milioni di tonnellate. Secondo Coceral (l'associazione europea dei produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d'oliva e oli), dovrebbe quindi essere inferiore alle aspettative: nelle...

    13-12-2018
  • Fao, a novembre prezzi materie prime alimentari in calo

    Diminuiscono i prezzi delle materie prime alimentari. Oli vegetali, cereali, latte e suoi derivati e carne hanno fatto segnare un calo delle loro quotazioni mentre lo zucchero è in controtendenza. Sono i dati forniti dalla Fao e relativi all'Indice dei...

    08-12-2018