• Alleanza di filiera: Assalzoo, Anacer, Assitol e Italmopa per costruire una strategia comune

    Print
    Stretta di mano accordo pixabay

    Un impulso per una nuova collaborazione nella filiera agroalimentare arriva dal Protocollo d'intesa firmato da Assalzoo, Anacer, Assitol e Italmopa. Le quattro associazioni, in rappresentanza di più di trecento aziende, hanno firmato un accordo di cooperazione per sostenere il settore della prima trasformazione alimentare e zootecnica. L'intesa è stata siglata lo scorso maggio in occasione di Cibus, il Salone internazionale dell'alimentazione organizzato da Federalimentare, e rispecchia la visione strategica e associativa perseguita dalla federazione confindustriale.

    Con Assalzoo, rappresentata dal presidente uscente Alberto Allodi, hanno sottoscritto il protocollo anche Anacer, l'Associazione Nazionale Cerealisti, Assitol, l'Associazione Italiana dell'Industria Olearia e Italmopa, l'Associazione Nazionale Mugnai d'Italia, rappresentate dai presidenti Carlo Licciardi, Marcello Del Ferraro e Cosimo De Sortis. Oltre al settore mangimistico, sono dunque coinvolti altri comparti chiave della filiera: gli operatori nazionali attivi nel commercio di cereali, semi oleosi e prodotti derivati, il settore della lavorazione degli oli e dei grassi per usi alimentari, zootecnici e tecnico-energetici e l'industria molitoria nazionale.
    L'accordo, della durata di cinque anni e rinnovabile, vuole rilanciare e rinsaldare il dialogo all'interno della filiera agroalimentare, definire posizioni comuni ad esempio sul piano della sicurezza degli approvigionamenti, delle risposte al problema del deficit di materie prime tipico dell'Italia, della comunicazione istituzionale e della promozione dell'immagine.

    Le azioni con cui sarà dato seguito all'accordo saranno indirizzate ai principali stakeholder nazionali e internazionali, alle istituzioni e al mondo della ricerca, senza dimenticare naturalmente i consumatori. Le quattro associazioni hanno infatti ravvisato la necessità che l'intera filiera veicoli un'immagine veritiera e rispettosa dell'attitività delle singole aziende, con messaggi chiari e fondati su dati scientifici, in contrasto alla disinformazione lesiva degli interessi del settore.

    I presidenti delle quattro associazioni daranno vita a un organismo con cui dare corpo all'intesa, rappresentare le posizioni comuni e raggiungere gli obiettivi fissati dall'accordo. Questa azione sarà condotta anche da singoli comitati ristretti e gruppi di lavoro impegnati nella redazione di progetti specifici e iniziative particolari.

    Foto: Pixabay

    Vito Miraglia 09-08-2018 Tag: zootecniaassalzooagroalimentarematerie prime
Articoli correlati
  • Antimicrobici, nel 2016 vendite in calo in Italia

    Nel 2016 le vendite di farmaci antimicrobici in Italia sono diminuite. Lo evidenzia il rapporto: “Dati di vendita dei medicinali veterinari contenenti agenti antimicrobici. Trend in Italia Anno 2016” pubblicato dal Ministero della Salute, secondo cui...

    14-10-2018
  • Agroalimentare, export prodotti italiani supera 20 miliardi di euro

    Nei primi sei mesi del 2018 la vendita sui mercati esteri dei prodotti agroalimentari made in Italy è aumentata del 3,1% rispetto al primo semestre 2017, fino a superare la soglia dei 20 miliardi di euro. È quanto emerge dal rapporto: “La...

    13-10-2018
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018
  • Assalzoo, una strategia di filiera per rilanciare la produzione del mais italiano

    L'obiettivo di risolvere la crisi che attanaglia il settore maidicolo è condivisa da tutti gli attori del comparto agroalimentare e da uno di questi è arrivato un primo passo concreto in questa direzone. Assalzoo, l'Associazione Nazionale tra i...

    10-10-2018
  • Mangimistica mondiale: un mercato da 500miliardi di dollari nel 2023

    Il mercato degli alimenti per animali dovrebbe crescere a un Cagr (tasso di crescita annuale composto) del 4,42%, fino a raggiungere 505,398 miliardi di dollari nel 2023. Lo evidenzia il rapporto: “Animal Feed Market - Forecasts from 2018 to 2023”...

    09-10-2018