Victam
  • IGC: soia verso annata record, in calo la produzione di grano

    Print
    Grano agricoltura %c2%a9 mozzz   fotolia.com

    Previsioni in chiaroscuro per il settore cerealicolo mondiale. Se la produzione di grano e altri cereali è prevista in calo, per il mais e la soia i mercati saranno più dinamici. Sono le indicazioni degli esperti dell'International Grains Council per l'annata 2018/2019.  

    Le condizioni climatiche sfavorevoli nelle regioni chiave per il settore cerealicolo porteranno a una riduzione del 2% della produzione di grano e cereali secondari. Sarà il terzo anno consecutivo in cui il livello produttivo sarà col sengo meno; le stime lo fissano a 2,059 milioni di tonnellate. Un declino particolarmente rapido è previsto per il grano ma anche per l'avena, l'orzo e la segale. Va meglio per il mais, per cui è previsto un aumento di 8 milioni di tonnellate dovuto a un recupero nella produzione in Sud America. In aumento, invece, il consumo globale di questi cereali grazie all'impiego nell'alimentazione (soprattutto per il grano) e per l'uso industriale (per il mais, in particolare). L'incremento è indicato all'1%.  

    Oltre alla riduzione della fornitura di cereali c'è un secondo calo consecutivo per le riserve, in particolare di 46 milioni di tonnellate per il mais e 18 per il grano. Secondo gli esperti le riserve si ridurranno tanto in Cina quanto nei maggiori Paesi esportatori.  

    Per quanto riguarda la soia le tendenze sono diverse. Nel 2017/2018 c'è stato un boom dei consumi ma un calo nella produzione di 11 milioni di tonnellate e pertanto le riserve mondiali, comprese quelle di un Paese chiave come l'Argentina, si sono contratte dell'11%. A fronte delle previsioni ottimistiche in Sud America, la produzione globale di soia potrebbe infatti rimbalzare a un livello record di 359 milioni di tonnellate nell'annata in corso. E se in Cina gli acquisti sono previsti in calo, i volumi di soia potrebbero espandersi comunque grazie agli acquisti di altri Paesi. 

    Infine anche per il riso alcuni indicatori sono positivi. Il commercio globale di riso nel 2018 è previsto in leggera espansione su base tendenziale con 47,5 milioni di tonnellate.

    redazione 02-08-2018 Tag: maisgranosoiaproduzione
Articoli correlati
  • Micotossine: nemiche invisibili nella filiera dei cereali a paglia

    La salubrità delle produzioni agro-alimentari può essere compromessa dalla presenza di contaminanti antropici come metalli pesanti, fitofarmaci, residui di imballaggi o prodotti indesiderati formatisi nella fase di trasformazione. Ma è...

    10-03-2019
  • Colza, produzione in calo nell’UE

    Nella stagione 2019/20 la produzione di colza in Francia, Germania, Polonia e Regno Unito - i principali produttori dell'UE - dovrebbe diminuire, aumentando la necessità d’importare i semi della pianta dai paesi del Mar Nero. Lo sostiene Peter...

    06-03-2019
  • Usa, previsto aumento produzione di mais e grano

    A causa delle tensioni commerciali tra Usa e Cina, nella stagione 2019/20 parte delle piantagioni statunitensi di soia potrebbero lasciare il posto a mais e grano. Lo sostiene il rapporto: “Grains and oilseeds outlook” pubblicato dal Dipartimento...

    02-03-2019
  • Biocontrollo e micorrize: sanità, sostenibilità e qualità per il mais italiano. Il progetto LOMICO

    La contaminazione da micotossine, in particolare aflatossine, rappresenta uno dei principali problemi della maiscoltura della Pianura Padana e costituisce una delle cause della riduzione delle superfici investite a questa coltura negli ultimi anni. Inoltre essa...

    28-02-2019
  • Usa, in calo resa di mais e soia

    Nella stagione 2018/19 il rendimento del mais e della soia prodotti negli Stati Uniti dovrebbe diminuire. È quanto emerge dal rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimate (Wasde)” pubblicato l’8 febbraio dal Dipartimento...

    15-02-2019