Victam
  • Materie prime alimentari, prezzi stabili in agosto

    Print

    Crescono i listini dei cereali, invariati quelli della carne

    Mercato ortofrutticolo

    Nel mese di agosto i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti stabili: l’aumento dei listini dei cereali è stato compensato dal calo delle quotazioni di prodotti lattiero-caseari, oli vegetali e zuccheri. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando che ad agosto l'Indice Fao dei prezzi alimentari si è attestato su una media di 167,6 punti, poco meno rispetto al valore di luglio (168,8 punti), e ha registrato una flessione del 5,4% rispetto al livello di agosto 2017.

    Nel dettaglio, l'Indice Fao dei prezzi dei cereali è aumentato del 4% rispetto al mese precedente. Merito soprattutto dei listini del grano, che sono quasi raddoppiati a causa del deterioramento delle prospettive produttive nell'Unione Europea e nella Federazione Russa. Sono cresciute di oltre il 3% anche le quotazioni internazionali del mais, mentre i prezzi del riso sono diminuiti.

    L'Indice Fao dei prezzi della carne è rimasto sostanzialmente stabile rispetto a luglio. L’aumento delle quotazioni della carne suina e ovina, dovuto all’interesse ad accrescere le importazioni manifestato dalla Cina, è stato compensato dal calo dei prezzi del pollame e della carne bovina - dovuto, nel secondo caso, all'elevata disponibilità di esportazioni dagli Stati Uniti.

    È invece diminuito l'Indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari, che in agosto ha registrato il terzo calo mensile consecutivo, con un ribasso dell'1,5%. Secondo la Fao la siccità potrebbe influire negativamente sulla crescita della produzione di latte in alcune parti dell'Europa e dell'Australia, mentre stanno migliorando le prospettive di produzione in Nuova Zelanda.

    L'Indice Fao dei prezzi dello zucchero è sceso del 5,4% rispetto a luglio, fino a raggiungere il livello più basso registrato nell’ultimo decennio. Il calo sarebbe in gran parte dovuto ai continui deprezzamenti delle valute di Brasile e India, i principali paesi esportatori.

    Infine, l'Indice Fao dei prezzi degli oli vegetali è diminuito del 2,6% rispetto al mese precedente, e si è avvicinato al valore più basso registrato negli ultimi tre anni. La flessione sarebbe dovuta al calo delle quotazioni dell'olio di palma, di quello di soia e di quello di girasole, a causa delle favorevoli tendenze di produzione e, nel caso dell'olio di palma, alla debole domanda globale d'importazioni.

    red. 14-09-2018 Tag: materie primefaoprezzicarnecerealiprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Marcello Veronesi: “Il 60% delle materie prime per mangimi arriva dall’estero”

    La dipendenza da materie prime alimentari importate dall’estero ha raggiunto una soglia di allarme. Le risorse interne sono infatti insufficienti per rispondere alla domanda delle aziende zootecniche: quasi il 60% dei cereali e delle farine proteiche...

    24-06-2019
  • Focus su dieta mediterranea durante evento Fao su malnutrizione

    Dieta mediterranea e malnutrizione sono state al centro dell’evento: “High Level Event on the Mediterranean Diet” promosso dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) nell’ambito delle iniziative...

    19-06-2019
  • Usa: in ripresa semina di mais, soia e altri cereali

    Dopo diverse settimane di maltempo, che hanno ritardato la semina di diverse colture, la fine delle piogge ha consentito agli agricoltori statunitensi di proseguire la coltivazione di mais, soia e altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo...

    18-06-2019
  • Usa: maltempo ritarda semina di mais, soia e altri cereali

    A causa delle cattive condizioni meteorologiche, negli Stati Uniti la semina del mais, della soia e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi presenta un significativo ritardo. Lo rivela il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    06-06-2019
  • Carne e latticini, consumo in aumento in tutto il mondo

    Tra il 2007 e il 2017 il consumo globale di carne è aumentato in media dell'1,9% l'anno e il consumo di prodotti lattiero-caseari freschi del 2,1% l’anno - entrambi i valori sono due volte maggiori rispetto alla crescita demografica. Lo sottolinea...

    02-06-2019